Qual è l’indice di correlazione tra l’andamento del mercato crypto (BTC) e quello azionario…

Share:

La risposta breve è una comprovata relazione positiva, tra il “moderato” e il “forte”, che accresce in concomitanza ai periodi di maggiore stress economico.

Per rispondere a questa domanda ho provato a calcolare il coefficiente di correlazione tra le performance su base mensile relative all’indice S&P500 (creato da Standard & Poor’s nel 1957 e segue l’andamento di un paniere azionario formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione) e alle performance, sempre su base mensile, relative alla coppia BTC/USD.

La base dati sono gli historical data, registrati su base mensile nel portale https://www.investing.com/, da gennaio 2018 a giugno 2022 (quindi quando viene visualizzato 2022 si intende solo il primo semestre).

Per performance intendiamo la variazione percentuale tra il prezzo medio di scambio all’inizio del periodo di valutazione (inizio anno / gennaio), rispetto a quello registrato alla fine del periodo di valutazione (fine anno / dicembre).

La formula per ricavare il coefficiente di correlazione è stata calcolata attraverso l’indice di correlazione di Pearson.

Maggiori dettagli qui: Wikipedia

Più il risultato del valore dell’indice del coefficiente è vicino a zero, più la relazione sarà debole, più si avvicina a -1 oppure a + 1 più la relazione sarà forte.

Fonte: https://paolapozzolo.it/indici-di-correlazione/

I dati sono stati poi elaborati e visualizzati tramite PowerBi.

Passiamo ora ai risultati.

Vediamo innanzitutto una comparazione, delle percentuali di Performance su base annua delle dei due prodotti.

Questo ci può aiutare per validare il risultato, a prima vista, confrontando i trend con i risultati dell’indice di correlazione.

Passiamo quindi alla visualizzazione dell’indice su base annua:

Da una prima analisi possiamo subito notare come tutti i risultati siano sempre positivi, questo significa che all’aumentare del valore di uno, aumenta anche l’altro e viceversa. Questo comportamento può essere dedotto/validato anche dal grafico riportato sopra relativo alle performance.

I valori variano da una “debole correlazione” durante il 2018 a momenti di “forte correlazione” come quella che stiamo vivendo ora.

Vediamo adesso uno spaccato dello stesso indice ma su base semestrale:

Il risultato appare meno lineare, con una eccezione di direzione relazionare durante il secondo semestre del 2019, mantenendo però sempre una forte correlazione.

Non entrerò nel dettaglio ora dei singoli eventi che hanno caratterizzato gli andamenti, ma possiamo sicuramente concludere che una c’è una marcata correlazione tra i due mercati e che questa si fa più forte durante i periodi di maggiore stress economico come nel 2020 e 2022.